“Piscine Interrate Chiavi in Mano”

hand

Qualità

La soddisfazione
del cliente
bag
Professionalità
L’esecuzione di ogni singolo lavoro
in maniera professionale
man
Sviluppo
Creare punti d’incontro
col committente
nel realizzare il suo progetto
map
Supporto
Essere un punto di
riferimento e appoggio
in qualunque situazione

Perchè affidarci a noi?

Green House & Piscine realizza piscine di qualsiasi tipologia
capaci di soddisfare le necessità più disparate, senza limiti per quanto riguarda la progettazione e la costruzione dell’opera desiderata.

Green House & Piscine è una società che non restringe la sua attività solamente a livello locale, ed oltre a Brescia opera anche in tutta la Lombardia e nel territorio dell’Emilia Romagna.

piscina  skimmer da esterno
piscina a sfioro in muratura
piscina a sfioro
piscina  da giardino chiavi in mano
Scegli il tuo stile noi ci occuperemo di sviluppare il progetto.
Contattaci realizzeremo insieme il tuo sogno!

Domande frequenti

Anche se la piscina è sicuramente un luogo di svago e di relax, non dimentichiamo che deve essere mantenuta seguendo determinate regole, prima tra tutte la disinfezione dell'acqua. Ogni giorno infatti, anche se il depuratore è in funzione, si introducono comunque batteri, polvere, insetti e residui di creme solari. Certo, l'impianto di filtrazione della piscina elimina gran parte della sporcizia, della torbidità e di tutti gli accumuli solidi sospesi nell'acqua; tuttavia, occorre un'operazione supplementare volta debellare eventuali residui organici che vengono depositati dai bagnanti, oltre che per mantenere l'acqua cristallina, disinfettata e salutare: a questo proposito, è indispensabile un ciclo di corretti trattamenti che andranno a garantire un ambiente perfettamente igienico della piscina, idoneo alla balneazione. Sul mercato abbiamo tantissimi prodotti disponibili, che svolgono egregiamente il loro lavoro. Presso la nostra azienda troverete tutto quanto occorre per la disinfezione dell'acqua della piscina a prezzi decisamente convenienti: tra i metodi più utilizzati, senza dubbio spicca quello che prevede l'utilizzo del cloro che, grazie a delle semplici pastiglie o delle soluzioni in polvere, va a dissolversi nell'acqua non lasciando dei residui che potrebbero danneggiare le pareti della piscina e, nello stesso tempo, ad agire come un forte disinfettante. Il cloro è facilissimo da usare e ha una lunga conservazione. Ogni singola pastiglia di cloro contiene il 90% di principio attivo. L'importante è che le pastiglie vengano utilizzate seguendo attentamente le indicazioni riportate sulla confezione, sia per quanto riguarda le dosi che i tempi. Un non corretto dosaggio potrebbe portare un innalzamento eccessivo del valore del pH dell'acqua e la conseguente formazione di sostanze responsabili dell'odore sgradevole che spesso si sente in alcune piscine maltenute e che possono provocare anche bruciore e rossore agli occhi. In ogni caso, il nostro staff sarà a completa disposizione per tutti i chiarimenti in merito.
Per avere una piscina bella, funzionale e soprattutto ben tenuta tutto l'anno occorre effettuare le dovute operazioni di manutenzione ordinaria che straordinaria. Il nostro staff, composto da professionisti del settore accuratamente selezionati, si mette a vostra completa disposizione per tutti i servizi di assistenza piscine che concernono la pulizia e la manutenzione. Dopo aver acquistato una piscina della nostra ditta, lo staff avrà cura di spiegare al singolo cliente privato o pubblico tutte le migliori soluzioni da mettere in atto per mantenerla nel miglior modo possibile, garantendo un servizio completo di assistenza programmata volta alla manutenzione ordinaria e straordinaria della piscina. Nello tesso tempo ci metteremo all'opera per rimettere in funzione nella maniera più funzionale possibile la vostra piscina dopo che è passata la stagione fredda: non dimentichiamo che una piscina, dopo essere stata coperta per tutti i mesi estivi, necessita di alcune particolari operazioni perché sia nuovamente funzionante, sicura e pulita. Tra i tanti servizi disponibili, offriamo il controllo professionale del funzionamento a carico dei pulitori automatici e dei dispositivi simili, centraline comprese. Eseguiamo inoltre la pulizia approfondita di ogni area della vasca, le revisioni o e controlli dell'impianto di filtraggio, la rimozione della copertura invernale, il riavvio del funzionamento della piscina e, non per ultimo, la fornitura di prodotti professionali per la pulizia e la manutenzione.
Molti proprietari di piscina si domandano se sia veramente necessario pulire costantemente l'acqua della propria piscina: la risposta è sì. Nell'acqua della piscina, infatti, tendono ad annidarsi germi e batteri che non sono nocivi per l'uomo, almeno in prima battuta, ma che sono naturali dei luoghi fortemente umidi e con acqua stagnante. Questi batteri, tuttavia, possono favorire il proliferare di piccoli microrganismi acquatici come le alghe, che dopo qualche tempo tenderebbero a conferire alla piscina un aspetto melmoso ed un'acqua viscida, impedendo a qualunque bagnante di entrarvi. Oltre che questi processi interni all'acqua (che per questo motivo va spesso cambiata e rinforzata con Cloro e disinfettanti a pH acido controllato), anche da fuori possono provenire alcuni tipi d'inquinamento dell'acqua: soprattutto se la piscina si trova in un giardino o in aperta campagna, infatti, piccoli animaletti potrebbero introdursi nell'acqua ed inquinarla. Vanno, quindi, effettuate praticamente quotidianamente le pulizie con il retino, ovvero con un attrezzo composto da una rete a maglie fittissime in grado di raccogliere impurità come insetti, aghi di pino o foglie. Infine, anche i filtri della piscina vanno puliti con regolarità, perché garantiscono la depurazione dell'acqua e, quindi, si occupano di catturare ed intrappolare ogni piccolo portatore d'inquinamento, diventando loro stessi inquinati e quindi bisognosi di pulizia.
Avere una piscina a propria disposizione è un sogno realizzabile, grazie ai prezzi più accessibili e agli sgravi fiscali che riguardano la ristrutturazione di piscine già esistenti. Green House & Piscine propone piscine e attrezzature complete di tutti gli stili e dimensioni, perfetti per qualsiasi ambientazione, dalla più classica alla più moderna. Lo staff si mette a completa disposizione che cliente, seguendolo in tutto il suo percorso, dalla scelta della piscina che meglio risponde alle sue esigenze di funzionalità e stile, alla messa in opera, fino alla successiva manutenzione. Un argomento che spesso interessa che possiede o chi vuole acquistare una piscina riguarda proprio la manutenzione e il tempo necessario. Ovviamente tutto dipende dalle dimensioni della stessa e dal materiale con il quale è realizzata. In genere, possiamo dire che piscine residenziali con misure pari a 8x4 metri richiedono circa trenta o quaranta minuti di manutenzione periodica. Il nostro staff avrà cura di darvi tutte le indicazioni in merito e di consigliarvi i prodotti adatti, così che la piscina rimanga sempre bella e funzionale come quando appena realizzata. Le soluzioni disponibili oggi sul mercato sono in grado di assicurare maggiore operatività e minor tempo di esecuzione, in quanto presentano comodi meccanismi automatizzati che evitano i lavori manuali. Tra le operazioni di manutenzione necessarie, rientrano quelle per la pulizia per il fondo e le pareti e il controllo delle condizioni dell'acqua.
Alghe, funghi e batteri sono i principali organismi che possono infestare una piscina. Per mantenere l’acqua costantemente disinfettata e piacevolmente limpida possono essere utilizzati una serie di prodotti dotati, a seconda dei casi, di dosaggio automatico o manuale. Trovarli sul mercato non è difficile e, tanto per fare il nome di un fornitore, è possibile rivolgersi a Green House & Piscine o collegarsi al sito www.greenhousepiscine.it. I prodotti destinati a risolvere queste fastidiose infestazioni sono, per lo più, di origine chimica. In particolare risultano molto efficaci il granulato o le pastiglie di bromo o di cloro da aggiungere all’acqua. Questi prodotti, disponibili comunque anche in forma liquida, possono essere eventualmente sostituiti con una diversa tipologia di trattamento chimico a base di ossigeno attivo. Sono disponibili anche prodotti di origine naturale, per esempio quelli al sale, che fondano la propria efficacia sulla trasformazione elettrolitica di questa sostanza. Altrettanto risolutivo, sempre all’interno dei trattamenti alternativi, risulta essere quello che utilizza i raggi UV: tramite l’impianto di ricircolo, l’acqua della piscina viene indirizzata in prossimità della lampada che emette raggi UV, veri sterminatori di ogni sostanza nociva, compresi batteri e microrganismi. Il sistema con raggi UV non esclude completamente l’impiego di altri disinfettanti chimici, tuttavia ne limita di molto la quantità da utilizzare.
Una piscina aumenta notevolmente il pregio di un'abitazione, incrementandone anche il valore. Uno dei problemi principali risulta essere la sua copertura, indispensabile per mantenere l'acqua alla temperatura ideale e per evitare, specie durante la notte, che gli insetti entrino nell'acqua. La copertura poi diventerà ancora più importante nella stagione invernale, quando la piscina dovrà essere riparata dall'azione avversa degli agenti atmosferici, che potrebbero tra l'altro provocare danni anche a carico del rivestimento interno della stessa. La ditta Green House & Piscine , rivenditore e fornitore apprezzatissimo nel mercato di settore, offre tutto quanto necessario alla copertura della piscina. E' possibile scegliere tra una vasta gamma di soluzioni, sia per quanto riguarda la loro foggia che le dimensioni e il prezzo. Tra le varie opzioni, abbiamo ad esempio la copertura telescopica, realizzata con una combinazione particolare di alluminio e poli carbonato che, tra i suoi pregi, ha quello di essere rimovibile. Le lastre sono capaci di donare una luminosità davvero gradevole, preservando nello stesso tempo la piscina dall'usura e dagli agenti atmosferici. Per conservare il calore accumulato durante il giorno, perfette le coperture a tapparelle rigide. Ancora, possiamo utilizzare le coperture isotermiche galleggianti, che consentono ai raggi solari di penetrare attraverso la loro superficie, riscaldando piacevolmente l'acqua. Il rapporto qualità-prezzo delle coperture Green House & Piscine è eccellente.
Decorare l’area della piscina con delle piante contribuisce a renderla più invitante, ma occorre scegliere con attenzione le specie, infatti non tutte sopportano l’umidità e la luce solare diretta. Generalmente le piante autoctone sono quelle che si adattano meglio alle temperature estive del posto, ma si può optare per delle sempreverdi che non crescano troppo in altezza, dal momento che la piscina deve rimanere sempre in pieno sole. Tra le piante più apprezzate vi è il Bosso Comune (Buxus sempervirens), un arbusto che si può piantare in vaso o coltivare in piccole siepi. Il caratteristico fogliame, folto e compatto, si presta a potature geometriche che si mantengono a lungo, infatti il bosso ha una crescita molto lenta. Questa pianta, oltre ad essere longeva, necessita di poca manutenzione. Anche il rosmarino (Rosmarinus officinalis), un arbusto aromatico che non produce fogliame, è molto adatto alla piscina, sia perché sopporta bene il caldo e l’umidità, e sia per la pochissime cure che richiede. Un'altra pianta ideale è il papiro, perché come è noto, predilige le zone umide. Per quanto riguarda gli alberi, è preferibile evitare quelli con foglie ad aghi o troppo piccole che potrebbero intasare i filtri di pulizia, quelli da frutto o che producono pollini (l’acero, il frassino, il salice), in quanto attirerebbero api e altri insetti, e quelli che sviluppano radici molto lunghe e robuste che potrebbero danneggiare la struttura della piscina, come il pioppo. In alternativa si può scegliere tra Ficus, banani e palme nane. Per dare un tocco di colore con delle piante fiorite, una buona scelta può essere il giaggiolo acquatico (Iris Pseudacorus), una pianta sempreverde che produce dei delicati fiori gialli.
Le operazioni necessarie affinché la piscina si mantenga costantemente pulita, sicura ed efficiente, possono essere classificate come interventi di ‘manutenzione ordinaria’ o di ‘manutenzione straordinaria’. Possiamo considerare interventi di manutenzione ordinaria tutti quelli che devono essere eseguiti periodicamente (ogni giorno od ogni settimana) durante il periodo in cui la struttura viene utilizzata; fra questi, i più comuni sono: - Rimozione delle impurità e dei detriti presenti sul pelo dell'acqua (come foglie secche o insetti) servendosi dell’apposito retino. - Pulizia dei cestelli presenti negli Skimmer o nel bordo sfioratore, così da evitare che lo sporco vi si accumuli. - Controllo giornaliero dei valori di pH e di cloro libero nell'acqua, con eventuale correzione per mezzo di prodotti chimici specifici. - Controllo periodico dell'efficienza di filtri e pre-filtri ed eventuale pulizia. Consideriamo invece interventi di manutenzione straordinaria quelli effettuati solo saltuariamente o che non possono essere pianificati. - Tutte le operazioni da compiere all'apertura ed alla chiusura della stagione (accurata pulizia interna della vasca, lavaggio di filtri e pompe, copertura della piscina). - Interventi per il trattamento dell'acqua in caso di comparsa di alghe (da trattare con alghicidi) o in caso di acqua torbida. - Riparazione di eventuali danni o malfunzionamenti dei componenti dell'impianto o ristrutturazione, parziale o totale, della piscina.
La comparsa di alghe costituisce un problema tanto fastidioso quanto frequente, tra i possessori di una piscina. Le alghe che si formano tipicamente nelle piscine si presentano di colore verde o nero, ed iniziano a formarsi sulle pareti della vasca o sul suo fondo, rendendone la superficie scivolosa. In altri casi, le alghe appaiono invece in sospensione, e fanno sì che l'acqua diventi torbida e verdastra. Quattro sono i principali fattori che favoriscono la formazione di alghe nella piscina: - Temperatura dell'acqua troppo elevata. - Insufficiente quantità di cloro. - Presenza eccessiva di nitrati. - pH troppo elevato. Di conseguenza, per contrastare la presenza di alghe è innanzitutto essenziale monitorare periodicamente la presenza di questi elementi nell'acqua, impiegando quando necessario correttori di pH o prodotti a base di cloro. Se ciò non bastasse, si può ricorrere ai prodotti anti alghe, che oltre a contrastare la formazione di questi microorganismi contribuiscono alla disinfezione dell'acqua della piscina. Green House & Piscine consiglia in ogni caso di impiegare preventivamente un efficace prodotto anti alghe per tutta la durata della stagione (senza aspettare che il problema si presenti), aggiungendolo una volta a settimana dopo un controllo. Inoltre, è bene tenere a mente che alcune condizioni meteorologiche, ed in particolare temporali e forti piogge, favoriscono la comparsa delle alghe; in questi casi è quindi opportuno aumentare la quantità del prodotto anti alghe nell’acqua.
La categoria di piscine detta 'a Skimmer' è oggi quella maggiormente diffusa, quantomeno in ambito privato, e rappresenta la soluzione più economica sia per quanto riguarda i costi di installazione che quelli di manutenzione. Questa categoria di piscine prende il nome dalle caratteristiche bocche di aspirazione, dette appunto Skimmer, che convogliano l'acqua verso l'impianto di filtraggio e che sono situate nella parte alta delle pareti della vasca. La principale peculiarità delle piscine a Skimmer, è che il livello dell'acqua si ferma circa 15cm sotto il bordo perimetrale, anziché arrivare all'orlo della vasca come avviene invece nei sistemi a sfioro. Ciò è dovuto proprio alla presenza degli Skimmer, che devono essere necessariamente posti al disopra del livello dell'acqua per almeno metà della propria altezza. Il funzionamento di questo sistema è piuttosto semplice: l’acqua viene aspirata dalla pompa attraverso gli Skimmer, all’interno dei quali è presente un cestello che trattiene le impurità di maggiori dimensioni, eseguendo così un primo grossolano filtraggio. L’acqua raggiunge quindi l'impianto di filtrazione e, dopo essere stata depurata, viene reimmessa nella vasca attraverso le bocchette di mandata, anch'esse situate nella parte superiore della vasca. Contrariamente alle piscine a sfioro, quindi, negli impianti a Skimmer non è prevista una vasca di compenso.
La principale caratteristica delle piscine dette 'a sfioro', è che il livello dell'acqua arriva fino al bordo della vasca, creando quindi una sorta di continuità con il terreno. Sul piano estetico, questo effetto è spesso ritenuto più piacevole dei sistemi a Skimmer, nei quali invece il livello dell'acqua si ferma 15 cm più in basso del bordo. Intorno al perimetro delle piscine a sfioro sono presenti delle griglie, il cui scopo è quello di raccogliere l'acqua che tracima oltre il bordo e convogliarla verso la "vasca di compenso". La vasca di compenso (componente peculiare delle piscine a sfioro) è essenzialmente un serbatoio avente la funzione di mantenere inalterato il livello dell'acqua nella piscina: quando i bagnanti si immergono, il volume dei loro corpi fa sì che il livello dell'acqua si alzi (tracimando), per poi abbassarsi nuovamente nel momento in cui escono; la presenza della vasca di compenso permette di monitorare costantemente il livello dell'acqua all'interno della piscina e ripristinarlo all'evenienza. L'acqua contenuta nella vasca di compenso, viene inviata all'impianto di filtrazione e depurazione, per poi essere nuovamente reintrodotta nella piscina attraverso le bocchette di immissione, poste sul fondo della vasca. Le piscine a sfioro permettono una depurazione dell'acqua più efficace rispetto agli impianti a Skimmer e, come abbiamo già sottolineato, appaiono spesso più gradevoli esteticamente; si tratta però di sistemi più complessi, che comportano di conseguenza una spesa maggiore.
AA chi non piacerebbe avere una piscina a casa propria? Un oceano casalingo nel quale ritrovarsi con amici e la propria famiglia, per trascorrere piacevoli momenti di relax e divertimento. Naturalmente, occorre scegliere una ditta di comprovata esperienza come Green House & Piscine, che da anni lavora con entusiasmo e passione per offrire il meglio alla sua clientela. L'azienda dispone di una vasta gamma di piscine di ogni dimensione e forma, capaci di accontentare qualsiasi esigenza di funzionalità e stile. Non dimentichiamo che la presenza di una piscina aumenta non di poco il valore dell'immobile stesso. Ciò vi risulterà utile anche qualora un domani vogliate vendere la vostra abitazione, incrementandone il valore di acquisto. Pensate che la presenza di una piscina aumenta il valore dell'immobile da un minimo del 10% ad un massimo del 15%. Come si può ben immaginare, la piscina contribuisce a tale incremento anche in concomitanza con altri elementi di pregio, tra cui le finiture di pregio e la tipologia dell'immobile stesso, oltre che la sua ubicazione. Inoltre, avere una piscina contribuirà a migliorare di gran lunga la qualità della propria vita e dei nostri familiari, sia per quanto riguarda il livello di socializzazione che per la salute e il benessere. Grazie agli sgravi fiscali poi, è possibile rimodernare e ristrutturare una vecchia piscina esistente dando ad essa vita nuova. Lo staff sarà a disposizione per qualsiasi dubbio o chiarimento.
Avere una piscina è senza dubbio un sogno, che oggi diventa possibile grazie ai prezzi più ridotti e soprattutto alla possibilità di usufruire di comode detrazioni fiscali. Tra i rivenditori e fornitori di piscine più apprezzati, sicuramente troviamo Green House & Piscine, azienda che da anni lavora con entusiasmo e passione nel settore piscine. Come dicevamo, avere una piscina non è più prerogativa di pochi fortunati. Lo Stato infatti agevola chi decide di incrementare il valore del proprio immobile. Nel corso degli anni, il valore delle detrazioni IRPEF è notevolmente aumentato, se pensiamo che si è passati da un iniziale 36% per arrivare al 50%. Inoltre, il tetto massimo di spesa è addirittura raddoppiato, da 48mila euro a 96mila euro, sempre che la spesa sia stata effettuata nel periodo compreso tra il 26 giugno 2012 e il 31 dicembre 2013. Le informazioni ufficiali hanno come fonte niente di meno che la Gazzetta ufficiale n. 147 del 26 giugno 2012 - Suppl. Ordinario n.129 con il Decreto dello Sviluppo che ha trovato approvazione il 15 giugno. Per quanto riguarda le piscine, le detrazioni fiscali si riferiscono solo alla ristrutturazione o al recupero di strutture già esistenti. Se avete dunque intenzione di realizzare una piscina ex novo, le detrazioni non sono disponibili. Per quanto riguarda il modulo, si può scaricare comodamente dal sito ufficiale delle Agenzie delle Entrate alla voce Ristrutturazioni Edilizie - Agevolazioni Fiscali.
Green House & Piscine è un rivenditore e fornitore di piscine, valido punto di riferimento nel settore. Una delle questioni che maggiormente interessano gli acquirenti di una piscina è se la sua realizzazione possa causare una variazione catastale, facendo passare l'abitazione stessa nella categoria lusso, con tutte le conseguenze del caso. I realtà questo è piuttosto difficile, in quanto una possibile variazione si verifica solo nel caso in cui la piscina superi un totale di ottanta metri quadri di superficie. Tuttavia, occorre ricordare che la sola estensione della piscina non basta a far passare la propria abitazione nella categoria lusso. Occorrono infatti altri specifici requisiti. Ogni singolo Comune di residenza ha parametri differenti, dunque è bene informarsi per tempo sull'esistenza degli stessi per avere chiara la situazione. Facciamo un semplice esempio: in certe regioni, è stato stabilito che se uno stabile presenta 160 metri quadri ed oltre di superficie abitabile, una terrazza o una balconata con metratura eccedente i 65 metri quadri, rifiniture pregiate o ancora la presenza di ascensori e porta carichi, potrebbe verificarsi la necessità di registrare la propria abitazione nella classe lusso, qualora venga messa in opera anche una piscina. Il nostro staff, altamente specializzato, potrà comunque darvi tutte le spiegazioni in merito, con la massima cortesia e disponibilità possibili
Per la realizzazione di una piscina vanno definiti alcuni parametri, che si dividono sostanzialmente in due categorie: Fattori legati alla struttura vera e propria della piscina e fattori legati a tutti quei costi antecedenti alla costruzione. Per quanto riguarda la prima categoria, si possono avere: - Tecnica costruttiva adottata per la realizzazione - La forma - La dimensione - Il sistema di ricircolo dell’acqua (che può essere distinto in skimmer o sfioro) - La tipologia dei materiali scelti per la costruzione - Gli accessori con cui viene allestita la piscina Per quanto concerne la seconda categoria, ovvero tutti quei lavori che precedono la realizzazione della piscina, si possono avere: - Il pagamento del professionista che si occupa di tutte quelle funzioni di analisi strutturali, e se richiesto, anche dello svolgimento di attività legate alla burocrazia - Lo scavo dell’invaso, che ha un costo variabile secondo alcuni parametri come, l’accessibilità al sito di destinazione della piscina, e le caratteristiche pedologiche (struttura e granulometria del terreno) - Il montaggio della struttura - Le opere legate ai sistemi idraulici - L’impiantistica - Il solarium, che ha dei costi variabili in base al tipo di posa che si vuole realizzare e anche al tipo di materiale che si desidera installare Per qualsiasi domanda aggiuntiva sui costi, è possibile contattare il servizio clienti dell’azienda Green House & Piscine, richiedendo un preventivo personalizzato e completo, che rispetti le vostre esigenze e il budget da voi indicato.
Prima di realizzare una piscina, è bene tenere in considerazione fattori fondamentali, primi tra tutti i regolamenti e le normative che interessano la costruzione di una piscina. Osservarle scrupolosamente è indispensabile, in quanto la loro non ottemperanza vi farà incorrere in spiacevoli sorprese, anche di carattere economico. La Green House & Piscine, ditta rivenditrice e fornitrice di piscine, è preparata sull'argomento e saprà darvi tutte le informazioni del caso. Per quanto riguarda le normative che regolano la costruzione delle piscine, in Italia assistiamo a diverse regolamentazioni che si distinguono da una regione all'altra, così come da Comune a Comune. Ogni amministrazione comunale infatti, ha dei regolamenti edilizi a parte. Tra i fattori che determinano tali normative, si annoverano le tipologie e le relative modalità di allacciamento alla rete di erogazione idrica, le distanze e i confini e la posizione dell'immobile nel quale andrà inserita la piscina. Inoltre, particolari condizioni geologiche e paesaggistiche possono richiedere la realizzazione di piscine che rispettino precisi vincoli, magari legati alla dimensione, forma e tipologia della piscina stessa. La soluzione migliore è quella di rivolgersi in tempo utile al proprio Comune di residenza, che vi saprà dare tutte le indicazioni necessarie, specie per quanto riguarda eventuali restrizioni territoriali, canoni da rispettare e specifiche utili. Una volta raccolte le informazioni, il nostro staff sarà lieto di progettare la piscina più adeguata.
Se state pensando di realizzare una piscina in vista della stagione estiva, affidatevi alla competenza e alla professionalità di Green House & Piscine, che da anni è attivo nel settore con grande successo e soddisfazione della clientela privata e pubblica. Ampissima la gamma di scelta delle piscine, sia per quanto riguarda le dimensioni, che la forma e lo stile, rendendo facile ogni ambientazione, da quella più classica e tradizionale a quella più moderna e design. Spesso il cliente si chiede quanto tempo sia necessario per realizzare una piscina ex novo. Vi stupiremo dicendovi che occorre molto meno tempo di quanto pensiate. Se avete scelto una piscina residenziale in pannelli di acciaio, decisamente elegante e funzionale, occorreranno all'incirca sette giorni. Nel lasso di tempo sono naturalmente esclusi i giorni che serviranno per il disbrigo delle pratiche burocratiche e per la richiesta dei permessi necessari a norma di Legge che, ricordiamo, sono obbligatori. Tutto l'iter burocratico verrà preso in carico dai nostri professionisti, in modo da farvi risparmiare tempo e denaro. Tenete poi presente che servirà il tempo necessario per il progetto, specie se desiderate una piscina personalizzata e su misura. Il nostro obiettivo è quello di realizzare piscine all'altezza delle vostre aspettative, con competenza e professionalità. Eventuali lavori che richiedono la presenza di un cantiere ed eventuali condizioni meteo avverse sono imprevisti da tenere in considerazione per quanto riguarda le tempistiche.
Una piscina rappresenta un punto di valore per la nostra abitazione. Non solo è un luogo in cui divertirsi e passare piacevoli momenti di relax, ma contribuisce anche a aumentare il valore dell'immobile stesso. Oggi non è più un sogno impossibile avere una piscina, anche perché, rispetto ai tempi passati, i costi di realizzazione si sono notevolmente ridotti. Tuttavia, chi si appresta ad acquistarne una, viene spesso assalito dal dubbio che riguarda le pratiche da sbrigare per quanto riguarda i permessi. Non dimentichiamo infatti che la presenza di una piscina e di qualsiasi altra infrastruttura richiede autorizzazioni specifiche rilasciate dal Comune di residenza e dagli organi competenti. Le pratiche in questione sono obbligatorie a norma di Legge e la loro non ottemperanza provoca conseguenze spiacevoli, specie dal punto di vista economico. Green House & Piscine, leader e punto di riferimento sicuro ed affidabile per il settore piscine, mette a disposizione il suo staff di professionisti per l'intero sbrigo dei permessi necessari. Il cliente dovrà semplicemente indicare ai tecnici informazioni basilari, tra cui si annoverano le perizie geologiche, il calcolo esatto dei cementi inerenti la soletta di base, le condizioni dei cantieri e le distribuzioni dei carichi. La nostra azienda, con la competenza che da anni ci contraddistingue, offrirà ad ogni singolo cliente tutta l'assistenza necessaria, dalla messa in posa, al disbrigo dei permessi necessari, fino alla manutenzione della piscina.
Si, ma solo se rientra in una di queste due situazioni. La costruzione di una piscina interrata comporta il passaggio di una casa nella categoria della abitazioni di lusso se ha una superficie di almeno 80 metri quadrati. In questo primo caso l'abitazione unifamiliare rientra automaticamente nella categoria A/1 influenzando cosi su tasse e l'IMU da pagare. A questo punto molti sono convinti che sia sufficiente avere una piscina più piccola per conservare la propria categoria catastale. Le realtà è molto diversa perché qualsiasi piscina interrata può far rientrare la vostra abitazione nelle case di lusso se esistono altre condizioni. Che cosa significa? Che una piscina interrata con superficie inferiore di 80 metri quadrati deve essere abbinata ad altri 3 elementi tipici delle abitazioni di categoria A/1 prima di modificare categoria catastale di una casa. Questi elementi sono la superficie dell'abitazione superiore ai 160 metri quadrati, più ascensori, una scala di servizio, altezza dei piani superiori a 3,30 metri, arredi con materiali pregiati, campi da tennis, ecc. In definitiva possiamo dire che una piscina interrata, anche molto piccola, può modificare la categoria catastale di un'abitazione facendola rientrare fra le case di lusso. Questo passaggio però non è cosi semplice perché 80 metri quadrati sono molti quando si parla di piscine ad uso privato.
Nella maggior parte dei casi, la realizzazione di una piscina non comporta il disbrigo di pratiche burocratiche particolarmente lunghe. In base all'Art. 6 comma 1 del "Testo Unico per l'Edilizia", gli interventi di edilizia privata come la costruzione di una piscina non necessitano di una concessione edilizia, a patto che rispettino le normative antisismiche, le norme igienico-sanitarie e quelle di sicurezza. È invece necessario presentare, almeno 30 giorni prima dell'avvio dei lavori, una "Denuncia di Inizio Attività", meglio nota come ‘DIA’, presso lo Sportello Unico per l'Edilizia del comune nel quale avranno luogo i lavori. La DIA deve riportare l'autocertificazione da parte di un progettista abilitato e deve fornire un'esaustiva relazione tecnica comprensiva di relativi elaborati progettuali. Trascorsi 30 giorni dalla presentazione della DIA, se non viene sollevata alcuna obiezione, è possibile avviare i lavori secondo la regola del silenzio-assenso. Una potenziale complicazione è rappresentata da eventuali vincoli paesaggistici o architettonici presenti nell'area in cui si ha intenzione di realizzare la piscina: nel caso sussista questa possibilità, è opportuno consultare l'Ufficio Tecnico del comune e procedere alla richiesta delle autorizzazioni necessarie. In ogni caso, il personale di Green House & Piscine saprà chiarire ogni dubbio riguardo l'iter da seguire nello specifico comune interessato dai lavori, e potrà altresì occuparsi del disbrigo di tutte le pratiche necessarie.
La realizzazione di una piscina, di per sé, non comporta automaticamente un aumento delle tasse per i proprietari dell'immobile. Tuttavia, esiste la possibilità di incorrere indirettamente in una tassazione più salata nel caso in cui, a seguito della costruzione della piscina, l'abitazione passasse alla categoria catastale "A/1", ossia quella delle case di lusso o, più formalmente, delle "abitazioni di tipo signorile". Le condizioni affinché un'abitazione sia ritenuta di lusso, sono esposte nel decreto del 2 Agosto 1969, emanato dal Ministero dei Lavori Pubblici. Esaminando l’Art. 4 del decreto, scopriamo che l'unica condizione affinché un'abitazione possa essere ritenuta di lusso a seguito della costruzione di una piscina, è che la superficie di quest'ultima superi gli 80 metri quadri. Si tratta comunque di un'eventualità piuttosto remota: anche le piscine più ampie, per uso privato, misurano quasi sempre meno di 12 m x 6 m, arrivando dunque ad una superficie di 72 metri quadri. Nell'Art. 8 dello stesso decreto vengono però nuovamente menzionate le piscine. In questo articolo, sono infatti elencate 14 specifiche caratteristiche ritenute "lussuose" delle abitazioni (tra le quali la presenza di una piscina) e viene precisato che affinché una casa sia considerata di tipo signorile debba possederne almeno 4. In altre parole, realizzando una piscina in un'abitazione che presenta già 3 di queste proprietà, essa passerà alla categoria catastale A/1 e sarà dunque sottoposta ad una maggiore tassazione. Di seguito forniamo il riassunto di queste 14 caratteristiche; il riferimento alla piscina è contenuto nel penultimo punto. - "La superficie utile complessiva è superiore a 160 mq, esclusi terrazze, balconi, cantine, soffitte, scale e posto macchine." - "La superficie di terrazze e balconi è superiore a 65 mq." - "È presente più di un ascensore per ogni scala." - "È presente una scala di servizio, a meno che non sia prescritta da leggi, regolamenti o imposta a necessità di prevenzione di infortuni od incendi." - "È presente un montacarichi o ascensore di servizio in edifici con meno di 4 piani." - "La scala principale presenta pareti rivestite di materiali pregiati (o lavorati in modo pregiato) per un'altezza superiore a cm 170 di media." - "L’altezza libera netta del piano è superiore a m. 3,30 salvo che regolamenti edilizi prevedano altezze minime superiori." - "Le porte di ingresso agli appartamenti da scala interna sono in legno pregiato o con decorazioni pregiate." - "Sono presenti infissi interni pregiati." - "I pavimenti sono eseguiti per una superficie complessiva superiore al 50% della superficie totale in materiale pregiato." - "Oltre il 30% della superficie delle pareti è eseguita con materiali pregiati o rivestito di materiali pregiati." - "I soffitti sono decorati con stucchi dipinti a mano." - "È presente una piscina, coperta o scoperta, in muratura, a servizio di un edificio o di un complesso di edifici comprendenti meno di 15 unita' immobiliari." - "È presente un campo da tennis a servizio di un edificio o di un complesso di edifici comprendenti meno di 15 unita' immobiliari."
Una volta scelto il modello di piscina più adeguato alle proprie esigenze e portata a termine la fase di progettazione, bisognerà valutare quale sia il periodo dell'anno migliore per l'inizio dei lavori di scavo. Questa scelta deve naturalmente tenere conto, in primo luogo, delle caratteristiche climatiche della zona ove si vuole costruire la piscina: in linea generale è sconsigliabile dare il via ai lavori durante i mesi invernali, quantomeno nell’Italia Settentrionale, poiché la pioggia causerebbe inevitabilmente un allungamento dei tempi. Nello scegliere il periodo di avvio dei lavori bisogna poi considerare quale sarà la loro durata: Green House & Piscine è in grado di portare a termine l'installazione di una piscina standard in tempi piuttosto rapidi, ma il disbrigo delle pratiche burocratiche richiede almeno un mese di attesa, ed i tempi si allungano nel caso in cui l'area interessata dai lavori sia sottoposta a vincoli paesaggistici o architettonici. Fatte queste considerazioni, possiamo arrivare alla conclusione che, in assenza di esigenze specifiche, il periodo più indicato per l'avvio dei lavori (nonché quello preferito dalla maggior parte dei clienti) sia la primavera: ciò permetterà fra l’altro di avere a disposizione la propria piscina per l'intera stagione estiva.
I costi di gestione di una piscina dipendono da una lunga serie di fattori, che incidono in misura diversa a seconda delle caratteristiche dell’impianto specifico. La spesa di maggiore impatto è solitamente quella dovuta all'acqua proveniente dall'acquedotto, il cui costo varia a seconda del comune nel quale è situata la piscina oltre che, naturalmente, dalle dimensioni della vasca. In secondo luogo, bisogna considerare i consumi energetici dell'impianto di filtrazione (di norma proporzionati alle dimensioni della piscina) e degli eventuali fari posti sul fondo della vasca. Controllando fra le caratteristiche tecniche della pompa dell'impianto di filtraggio, è possibile conoscere il suo consumo medio in termini di Kw, e moltiplicando questo valore per il numero di ore in cui l'impianto resta attivo quotidianamente si può stimare la spesa dovuta ai consumi energetici. Una voce che incide, seppure in maniera minore, sui costi di gestione della piscina, è quella che riguarda i vari prodotti chimici necessari per eliminare batteri e microorganismi dall’acqua; in particolare parliamo dei correttori di pH, dei prodotti a base di cloro e degli anti alghe, che è possibile reperire presso Green House & Piscine. Per contenere i costi di gestione della piscina, una soluzione tanto semplice quanto efficace è quella di utilizzare un'adeguata copertura, così da limitare l'evaporazione dell'acqua e ridurre i consumi energetici dovuti al suo riscaldamento e filtraggio.

News

Partners